La censura Disney sul lato B di Daryl Hannah

dh

La casa di Topolino mette on line Splash – Una sirena a Manhattan, con qualche taglio

La casa di Topolino, Paperino e Pippo non gradisce che noi si guardi sederi. Dal momento che tutti stiamo trascorrendo gran parte del nostro tempo chiusi in casa, anche Disney ha potenziato la sua offerta online. Aggiungendo al catalogo Disney+  diversi classici del cinema che fu, come Splash Una sirena a Manhattan del 1984, diretto da Ron Howard e con protagonisti Tom Hanks e Daryl Hannah. Però c’è un però. Prima di rendere disponibile il film, Disney ha manomesso diverse scene nelle quali era presente un qualche tipo di nudità, niente di estremo e comunque normale, trattandosi di una sirena.

La censura Disney sul lato B di Daryl Hannah: la casa di Topolino mette on line Splash – Una sirena a Manhattan, con qualche taglio

Lo racconta Gizmodo, riportando che a finire sotto la mannaia è stata anche la sequenza in cui Allen Bauer (Tom Hanks) bacia la sirena (Daryl Hannah) prima che lei si ributti nell’oceano. Nella versione originale si vedeva bene il sedere della Hannah, ripresa nuda e di spalle, perché ovviamente una creatura mezza donna e mezza pesce non sa che farsene dell’abitudine umana di nuotare con un costume. Ma in quella attuale made in Disney il lato B dell’attrice è sparito: tuttavia, perlomeno, lo scopo è stato raggiunto non eliminando la scena in sè, ma allungando al computer i capelli della protagonista che ora le coprono le natiche. Anche se a guardare il risultato forse si poteva fare meglio, visto che più che i capelli lunghi ora sembra che la sirena abbia il sedere peloso di un babbuino biondo. Chi l’avrebbe detto che Topolino fosse così bacchettone. Ma a pensarci bene, il lato B di Minni l’avete mai visto?

Leave a Reply

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>