SOLO L’AMORE PUO’ INVADERE IL REGNO DELL’AMICIZIA

_il-regno-degli-amici-1424309003

Raul Montanari affronta il tema dell’adolescenza nel suo ultimo romanzo Il Regno degli Amici

Se c’è una fase difficile nella vita di tutti è quella dell’ adolescenza. Un momento di crescita travagliato che segna l’esistenza.Uno dei sentimenti piu’ importanti di quell’età , ma anche piu’ difficile da gestire è  quello dell’ amicizia. Raul Montanari nel suo ultimo romanzo Il regno degli amici, Einaudi, mette a fuoco tutte le difficoltà che un adolescente incontra nel crescere cercando di rimanere in equilibrio fra l’amicizia appunto e i sentimenti.Nella noia di un agosto milanese  del 1982 il protagonista sedicenne Demo scopre insieme agli amici  Fabiano ed Elia detto il Profeta  una casa abbandonata sulla Martesana, un naviglio milanese lontano dal caos cittadino. La casa viene ribattezzata simbolicamente dai ragazzi  il regno degli amici.
Questa  casa diventa quindi il loro piccolo regno, un regno fatto di  di speranze, confidenze, giochi  tra ragazzi uniti da una grande amicizia. Ma l’amicizia spesso vacilla quando arriva l’amore. E l’amore per Demo avrà il volto di Valli una ragazzina che vive in un camper con la madre sulla rive della Martesana.
Il giovane protagonista inzia a vedersi e a  frequentare  di nascosto Valli, provando la contraddizione dei sentimenti : da una parte la gioia del rapporto con lei dall’altra il distacco dagli amici. Ma il destino ha in serbo per i giovani innamorati un drammatico colpo di scena. Montanari riesce a dare un interessante e convincente spaccato sull’adolescenza, con un stile fresco e veloce ci immerge nei primissimi anni ’80 visti con gli occhi di un ragazzo che si affaccia alla vita.

f.parente@araldodellospettacolo.it

Leave a Reply

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>