OLD, il convincente esordio del trio svedese

OLD

Old Ladies Die Young è un pazzo mix di generi

Una band tutta al femminile che viene dalla fredda e bellissima Svezia, questo sono le OLD, le cui componenti Constance, Nina e Johanna dividono un un minuscolo appartamento situato nella zona più hipster di Malmö, divorando dolcetti e dando vita alle loro personali esistenze e realtà, luoghi in cui tutto è possibile.

Old Ladies Die Young è il loro Ep di debutto, composto da quattro brani che possono essere definiti autobiografici in quanto specchio delle loro vite. Il disco che verrà pubblicato il 12 marzo per per Adrian Recordings è stato anticipato dal singolo Knee Hang Gang.

Il loro primo singolo è anche il brano che apre il loro album, un brano dance pop/rap parlato, ritmato in cui non manca il classico battito di mani a scandire il ritmo. Un brano che invoglia l’ascoltatore a scatenarsi sulla pista da ballo e che ricorda Round Round delle Sugababes, ma che ha quell’energia che mancava al trio inglese.

Whos going è una canzone dal sound pop retrò, un atmosfera anni ’50-’60 in cui il coro in sottofondo dà quel tocco di sacra evocazione che fornisce quell’atmosfera simil horror adatta ad una canzone su fantasmi e cimiteri. In Utero, ovvio omaggio a Kurt Cobain,  è una malinconica ballad che inizia con un giro di pianoforte e in cui il coro in stile chiesa medievale conferisce quell’atmosfera grigia degna di un brano commemorativo. Una canzone che parla del gioco dell’impiccato fatto in classe in cui alla cantante viene in mente Cobain ed il fatto che inizialmente eravamo tutti all’interno del mondo di un utero. L’album si chiude con Sandy Dentures brano dal sound che è un mix tra la musicale orientale e il tipico pop in cui le voci delle tre si confondono tra loro. 

Old Ladies Die Young è un discreto album d’esordio in cui le tre cantanti svedesi miscelano con ironia, pazzia e un pizzico di non sense, che conferisce al disco un’imprevedibilità unica, vari generi musicali per un lavoro che conquista da subito. Intrigante.

Leave a Reply

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>