Bocelli incanta dal deserto di Hegra

andrea bocelli

Il concerto del tenore italiano andato in scena ieri sera dall’Arabia Saudita

Il tenore italiano più conosciuto nel mondo. Il cielo limpido del deserto. E la magia millenaria di Hegra, l’antica città dei Nabatei, oggi sito dell’Unesco.

Bocelli incanta dal deserto di Hegra. Il concerto del tenore italiano andato in scena ieri sera dall’Arabia Saudita

Sono gli ingredienti del concerto andato in scena ieri sera, in Arabia Saudita e in tutto il mondo in diretta streaming, che per la prima volta ha portato su uno stesso palco Andrea Bocelli, il figlio Matteo e la figlia Virginia di nove anni. ”Non so perché – sorride annunciando lui stesso il primo dei due ospiti speciali – ma nella mia famiglia cantano tutti”. Se padre e figlio hanno spesso duettato insieme, incidendo anche la celebre Fall on me, con Virginia, vestitino bianco e capelli appuntati, Andrea ha imbracciato la chitarra per intonare l’Hallelujah. Accompagnato dall’Arabian Philharmonic e con la partecipazione di Loren Allred, la soprano Francesca Maionchi ed Eugene Kohn al piano, nel concerto ha poi proposto brani di Puccini, dall’ultimo album Believe, Greatest Showman e Carousel e il bis con Time to Say Goodbye (Con te partirò).

Ma Bocelli ha sorpreso i fan già all’arrivo all’aeroporto internazionale di AlUla, improvvisando un O sole mio su un Qanoun, una tipica cetra da tavolo. “Questo momento – spiega lui, per il terzo anno ospite al festival Winter at Tantora – è stato per noi l’occasione di diffondere un pò di gioia mentre vediamo la luce alla fine del tunnel in attesa di apprezzare nuovamente la musica tutti insieme”. Ma ieri è stata anche la prima volta che l’antica città di Hegra è stata utilizzata per un evento musicale di questo livello. Costruita dai Nabatei nel I a.C., la città nel deserto ospita migliaia di tombe scavate nella roccia arenaria, di cui almeno 100 mostrano facciate scolpite. Da AlUla Bocelli andrà direttamente a Genova per registrare l’opera di Giuseppe Verdi, Otello.

Leave a Reply

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>