L’arte non basta mai: online ‘Faces of Frida’

Frida-Kahlo-look-02

Con un click nel mondo di una delle più grandi artiste di sempre

In questi giorni, con l’emergenza Coronavirus, dobbiamo restare a casa, e sono stati annullati tutti i concerti, le uscite al cinema, le mostre. E se, siccome non possiamo andare a casa dell’arte, fosse l’arte a venire a casa nostra? Con Frida Kahlo ora è possibile. Grazie alla tecnologia, possiamo avere l’arte a portata di click. Google Arts & Culture offre oltre 800 opere, lettere, e non solo, da godersi comodamente seduti sul divano. “Faces of Frida” è stato creato grazie a un’eccezionale collaborazione tra Google e 33 musei internazionali. Questa retrospettiva digitale dedicata interamente all’artista più amata di tutti i tempi è disponibile sulla piattaforma di Mountain View. Grazie a Google Street View, potete anche entrare nella celebre Casa Azul, la “casa blu” nel cuore di Coyoacán, un sobborgo di Città del Messico.

L’arte non basta mai: “Faces of Frida” è online

Un tour virtuale che vi permetterà di vedere con la lente di ingradimento tutti i dettagli e i segreti di Frida Kahlo, contenuti tra le mura della casa dove l’artista nacque il 6 luglio 1907, e dove morì il 13 luglio 1954. La Casa Azul è anche la casa dove visse con il suo grande amore, suo marito Diego Rivera. Proprio quest’ultimo, quattro anni dopo la morte della sua mata, donò la casa al popolo messicano. Oggi, la Casa Azul è sede del “Museo Frida Kahlo”, e ospita alcune delle più importanti opere dell’artista, ma anche dipinti di Diego Rivera, José María Velasco, Paul Klee e altre opere di alcuni loro amici, tra cui Marcel Duchamp e Yves Tanguy. Rendiamo più piacevole il tempo da trascorrere a casa e perdiamoci tra le stanze di Frida Kahlo, con un semplice click.

Katia Tosto

Leave a Reply

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>