“Dietro gli occhiali bianchi”: Lina Wertmüller da Venezia arriva nelle sale italiane

image1

Arriva nelle sale Dietro gli occhiali bianchi, il docufilm presentato a Venezia e che omaggia Lina Wertmüller

Si sono spenti i riflettori sulla 72ᵃ edizione della Mostra Internazionale D’Arte Cinematografica e l’Italia porta a casa la Coppa Volpi di Valeria Golino, ma non solo. L’8 settembre, Lina Wertmüller, la prima donna candidata all’Oscar come miglior regista per il film Pasqualino Settebellezze nel lontano (forse poi non così tanto) 1977, ha ritirato il Premio alla carriera – Premio Internazionale Starlight Cinema Award. Il riconoscimento ha l’intento di valorizzare i talenti del cinema di tutto il mondo ed è sostenuto da una Academy di giornaliste e critiche cinematografiche dei maggiori media italiani: Alessandra De Luca, Titta Fiore, Alessandra Magliaro, Cristiana Paternò, Marta Perego, Angela Prudenzi, Barbara Righini. Durante la serata, svoltasi alla Terrazza Biennale, la cineasta ha ricevuto anche l’Onorificenza del Corpo Diplomatico. I premiati sono stati scelti tra le eccellenze del cinema internazionale, testimoni di opere in grado di rappresentare le diverse culture e i differenti modi di raccontare storie e personaggi.

image2Un talento cinematografico, quello di Lina, unico e inimitabile, sapientemente raccontato nel documentario di Valerio Ruiz, stretto collaboratore e aiuto regista della Wertmüller da quasi dieci anni. Presentato in concorso alla 72ᵃ edizione della Mostra Internazionale D’Arte Cinematografica – Venezia Classici, Dietro gli occhiali bianchi è il racconto sulla vera vita da sogno di Lina Wertmüller. Ruiz (ri)scopre la vena ironica e grottesca della cineasta e lo fa ripercorrendo i luoghi dei suoi film più celebri: dalle immagini inedite girate a Cinecittà durante la collaborazione con Fellini in La dolce vita 8 e 1/2, a video, immagini e canzoni scritte dalla stessa Wertmüller.

Soddisfatto il produttore del film, Leonardo Recalcati, dichiara: “È stata una bellissima emozione far tornare Lina al Lido, stavolta nei panni di attrice dell’opera prima di Valerio Ruiz, il suo assistente da una vita. Dietro gli occhiali bianchi è il frutto di un lunghissimo lavoro, un film girato tra Italia, Svizzera e Stati Uniti. Abbiamo fatto sforzi inauditi per avere nel cast Martin Scorsese, Sophia Loren, Giancarlo Giannini, Harvey Keitel e gli altri, ma tutto è stato ripagato dall’amore e dalla commozione delle persone presenti in sala”.

Il film che ha raccolto applausi scroscianti alla proiezione ufficiale del 6 settembre, arriverà nelle sale cinematografiche il 21, 22 e 23 settembre, in esclusiva nelle sale UCI Cinemas. Per scoprire le sale UCI più vicine e per acquistare i biglietti: http://behindthewhiteglasses.it/dietro-gli-occhiali-bianchi-uci-cinemas/

La pellicola, prodotta da Recalcati Multimedia e White Glasses Film, distribuita da Studio Universal e supportata da Roma Lazio Film Commission, è stata finanziata ai sensi delle norme sul Tax Credit dal Credito Valtellinese, che sosterrà la promozione del trailer in tutte le sue filiali e anche attraverso i 650 ATM/Bancomat del Gruppo Creval.

Dietro gli occhiali bianchi si è presentato agli occhi del Festival di Venezia e a breve al cinema, come un ritratto personale e poetico firmato da Valerio Ruiz, qui anche sceneggiatore, il quale dà vita ad un delicato e umano puzzle, espressione della vita di una delle più grandi donne che ha scritto la storia del cinema italiano.

Un grande in bocca al lupo a Valerio Ruiz e al produttore Leonardo Recalcati!

Leave a Reply

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>