“Seconda primavera”, una nuova stagione di passioni

18233_orig

Dal 4 febbraio il nuovo film di Francesco Calogero con Claudio Botosso, Desiree Noferini e Nino Frassica

Seconda primavera è una storia delicata, senza sesso, di quattro personaggi in quattro diverse età della vita. Carina la sceneggiatura, ma abbastanza incomprensibile il senso di alcune inquadrature. La storia c’è, l’attore anche (Claudio Botosso), ma il film diretto da Francesco Calogero, nelle sale dal 4 febbraio, poteva sicuramente essere girato meglio. La sinossi: a sovvertire l’inverno perenne in cui vive l’architetto cinquantenne Andrea è l’incontro con la studentessa Hikma, che gli ricorda la moglie Sofia, morta in circostanze oscure.

Ripudiata dal fratello, un ristoratore di origine maghrebina, dopo essere rimasta incinta del trentenne Riccardo – gia sposato con Rosanna, circa dieci anni più grande di lui – Hikma viene ospitata da Andrea, a cui insegna a prendersi cura del giardino che circonda la sua grande villa al mare. Andrea sviluppa un inconfessato sentimento, assai vicino all’amore: la seconda primavera della storia è per lui una nuova stagione di passioni. “Quando si accetta il fatto che la morte è una parte della vita, non la si teme più e non si ha paura di qualsiasi altra fine. Ma finché si vive con la paura della morte, si reagisce in modo identico rispetto alla fine di una relazione e, come risultato, l’amore che pure esiste viene pervertito”.

Queste parole di Rainer Werner Fassbinder sembrano gettare un ponte – immagine simbolo di questa storia – tra la terra dei vivi e la terra dei morti, avvicinando la morte di un amore alla morte fisica degli uomini, e assimilando la paura di perdere la persona amata. Un’affinità che favorisce il rapporto consolatorio che si instaura progressivamente, fino al classico finale aperto, tra il mite Andrea, che non ha mai superato il dolore per la tragica scomparsa della moglie Sofia, e la sensibile Rosanna, in crisi per la fine della sua relazione con il più giovane Riccardo. Ma quando Riccardo ritorna da Hikma – dopo un periodo di riavvicinamento alla moglie – Andrea si sa fare da parte: il suo rammarico è pero attenuato dalla consapevolezza di essere ritornato alla vita.

Anna Maria De Luca

L'Araldo dello Spettacolo sbarca online con interviste e materiale in esclusiva su Cinema, Arte, Danza, Musica, Teatro e Libri!

Leave a Reply

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>