“Rain Man”, il viaggio che riscopre l’amore fraterno

IMG_3289

Il consiglio di Valeria e Federica di Film Italia

Cari lettori,
questa settimana riportiamo in auge un cult di fine anni ’80, ovvero Rain Man – L’uomo della pioggia, con Dustin Hoffman, Tom Cruise e Valeria Golino. Il film parla di due uomini che hanno scoperto solo dopo la morte del padre di essere fratelli.
IMG_3292Charlie Babbit (Tom Cruise) scopre che tutta l’eredità paterna è destinata unicamente a suo fratello maggiore Raymond (Dustin Hoffman), la cui esistenza gli era completamente ignota. Nel momento in cui si rende conto che Raymond è affetto da autismo, decide di sequestrarlo dalla sua clinica e andare con lui a Los Angeles per prendersi parte dell’eredità che gli spetta. Per riuscire nel suo intento, Charlie cercherà di diventare il suo tutore, ma dopo aver passato del tempo insieme, scoprirà che, nonostante la malattia, Raymond è un uomo di grande intelligenza e sensibilità.
La pellicola analizza passo per passo il rapporto tra i due fratelli: l’iniziale rapimento di Raymond per finalità economiche diventa l’occasione per i due di stringere un rapporto sincero e complice come solo tra fratelli è possibile. Charlie, infatti, comincia a conoscere davvero Raymond e la sua straordinaria capacità di memoria e calcolo, di cui fa tesoro a Las Vegas per vincere ingenti somme.
Raymond gli dà anche del filo da torcere, perché nel loro viaggio on the road verso Los Angeles vuole mantenere la sua routine come guardare programmi televisivi in momenti improbabili, regalando così al pubblico dei momenti esilaranti.
IMG_3294La particolarità del film sta proprio nel l’alternanza di risate e scene davvero toccanti ed emozionanti. Ha ricevuto ben quattro premi Oscar, fra cui il premio come miglior film e miglior attore protagonista a Dustin Hoffman, che ha interpretato il suo personaggio in maniera intensa.
È un film che fa sempre piacere rivedere, non solo per la perfetta interpretazione del cast ma anche perchè tocca argomenti delicati come l’autismo.
“Dottore: Raymond, sai che significa autistico? 
Raymond: Sì. 
Dottore: Conosci quella parola? 
Raymond: Sì. 
Dottore: Sei autistico? 
Raymond: Non lo so. No. Senza dubbio no.”
Valeria e Federica di Film Italia

Leave a Reply

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>