Perché…”Tutto può accadere a Broadway”, no?

Tutto può accadere a Broadway (2014)

Dal 29 ottobre in sala ci sarà il nuovo film di Peter Bogdanovich con un cast strepitoso

Far divertire una platea di giornalisti non è impresa facile eppure la prima per la stampa, a Roma, è andata cosi: Tutto può accadere a Broadway è un film divertente, non scontato, godibile, con i tocchi della classica screwball comedy. Dopo dodici anni di assenza ritorna cosi sul grande schermo Peter Bogdanovich (che nel frattempo si è dedicato a tre film per la tv ed al documentario vincitore ai Grammy Award Runnin’ Down A Dream: Tom Petty and the Heartbreaker). Nel cast Owen Wilson, Imogen Poots, Jennifer Aniston, Will Forte, Kathryn Hahn e Rhys Ifans.

Isabella “Izzy” Patterson (Imogen Poots) sogna di fare l’attrice e nel frattempo si arrangia a fare la squillo per sbarcare il lunario. Una notte s’imbatte in Arnold Albertson (Owen Wilson), affermato regista con passioni da filantropo che le offre trentamila dollari per smettere di fare la squillo e coltivare i suoi sogni. Si innesca così una girandola di eventi inaspettati ed incredibili equivoci che cambieranno la vita di tutte le persone che Izzy conosce, dalla sua stralunata psicanalista (Jennifer Aniston) fino ad un misterioso detective (George Morforgen).

Il film, girato a New York,  porta diversi tipi di cameo:  in omaggio alla vecchia Hollywood, Isabella cita Audrey Hepburn ma anche Marilyn Monroe, Lana Turner, Fred Astaire, Ginger Rogers e Bogart e la Bacall. In omaggio alla moderna New York, troviamo invece nella prima scena i volti famosi della città, da Graydon Carter (direttore di Vanity Fair) nei panni dell’autista della limousine di Owen Wilson a Jake Hoffman (il figlio di Dustin Hoffman), da Scott Campbell ad Erin Heatherton (la modella di Victoria Secret). “Volevamo – ha spiegato la produttrice, Holly Wiersma – anche che tutte le precedenti ragazze-scoiattolo di Arnold fossero delle facce note: Ahna O’Reilly, un’attrice di talent che conosco da una vita, è il primo ‘scoiattolo’ nella scena all’aeroporto. Jennifer Esposito, che vive a New York, è un altro ‘scoiattolo’.  Susan Miller, proprietaria del celebre sito di astrologia astrologyzone.com, è in mezzo al pubblico dello spettacolo teatrale, oltre alla madre di Will Forte e a Roger Friedman, il critico. E’ stato divertente poter sfruttare tutti questi camei nel film”.

La commedia – genere che porta fortuna a Bogdanovich (“Ma papà ti manda sola” e “Paper Moon – luna di carta”)- ha una struttura a flashback: è Isabella che si racconta ad una intervistatrice cinica (Illeana Douglas). Interessante è scoprire come è nato questo film: Peter Bogdanovich e la sua ex moglie Louise Stratten scrissero la sceneggiatura ben 15 anni fa. Il titolo iniziale doveva essere ‘Scoiattoli alle nocciole’ e quando vedrete il film capirete perché. L’idea nacque da un fatto realmente accaduto: “Durante la fase di casting di Saint Jack – spiega il regista –  abbiamo incontrato diverse prostitute, a Singapore, per svolgere delle ricerche per il film. Ero triste per due di loro, che non mi sembravano voler fare questo lavoro, e così ho dato a entrambe dei soldi, in modo che potessero dare una svolta alle loro vite. E’ da qui che è nata la sceneggiatura. Inoltre, mi piaceva la frase ‘scoiattoli alle nocciole’, perché amo il film di Lubitsch in cui viene pronunciata, Fra le tue braccia, l’ultima pellicola di questo regista, che è sempre stato tra i miei preferiti”.

La morte prematura e tragica di John Ritter (che avrebbe dovuto fare la parte di Arnold) portò Bogdanovich e la Stratten ad abbandonare il progetto che rimase cosi nel cassetto fino a quando lui incontrò Owen Wilson. Dalla nuova amicizia tra i due rinacque l’idea di ridare vita al progetto che approderà nelle sale italiane il 29 ottobre con il nome di una canzone degli anni trenta, Tutto può accadere a Broadway. 

Anna Maria De Luca

L'Araldo dello Spettacolo sbarca online con interviste e materiale in esclusiva su Cinema, Arte, Danza, Musica, Teatro e Libri!

Leave a Reply

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>