Oscar 2016, dentro Morricone e a sorpresa Stallone

oscar 2016

Record di nomination per Revenant. Candidata anche la canzone Simple Song#3 del film Youth di Sorrentino

Chiuso il capitolo Golden Globes, si passa a quello degli Oscar 2016. E qualche sorpresa è arrivata già prima della cerimonia di premiazione oggi quando, alle 5.30 del mattino (ora americana), sono state annunciate tutte le candidature. Sylvester Stallone, reduce dalla vittoria ai Golden, si aggiudica la nomination come Miglior attore non protagonista anche agli Academy Awards per l’interpretazione di Creed-Nato per combattere.

Snobbato, invece, il film di Quentin Tarantino The Hateful Eight che entra nelle cinquine di sole due categorie: Migliore fotografia e Miglior colonna sonora grazie alle musiche scritte dal compositore italiano Ennio Morricone, fresco vincitore ai Golden Globes.

Come da previsione, conquistano il maggior numero di candidature Revenant (che rimane tuttavia fuori dalla categoria Migliore sceneggiatura) e The Martian. Due storie di sopravvivenza dove i protagonisti, creduti morti, cercano di farcela in ambienti ostili. Sarà battaglia tra due grandi pellicole della 20th Century Fox.

Che sia arrivata la volta buona per Leonardo Di Caprio – che approderà domani, venerdì 15, nella Capitale per presentare il film diretto da Alejandro González Iñárritu – di vincere l’Oscar? A dargli del filo da torcere ci saranno Matt Damon, Michael Fassbender (Steve Jobs), Bryan Cranston (Trumbo) e Eddie Redmayne (The Danish Girl). Si contenderanno, invece, la statuetta come Miglior attrice protagonista Cate Blanchett, Brie Larson, Jennifer Lawrence, Charlotte Rampling e Saoirse Ronan.

Otto i film candidati all’Oscar: La grande scommessa, Il ponte delle spie, Brooklyn, Mad Max: Fury Road (in lizza in nove categorie), The Martian, Revenant, Room e Spotlight. Come registi, invece, sono in lizza Adam McKay (La grande scommessa), George Miller (Mad Max), Alejandro González Iñárritu (Revenant), Lenny Abrahamson (Room) e Tom McCarthy (Il caso Spotlight).

Anche la pellicola di Paolo Sorrentino Youth-La giovinezza finisce in nomination agli Oscar con la Miglior canzone originale grazie a Simple Song #3, composta da David Lang e interpretata dal soprano Sumi Jo, che se la vedrà ancora una volta con Writing’s on the Wall interpretata da Sam Smith in Spectre che ha vinto la statuetta al Beverly Hilton Hotel di Los Angeles.

Rimane fuori dalle nomination, invece, Jane Fonda, candidata ai Golden Globes come Migliore attrice non protagonista per la pellicola del regista italiano. Ci sono, al suo posto, Jennifer Jason Leigh, Rooney Mara, Rachel McAdams, Alicia Vikander e Kate Winslet. Mentre come Miglior attore non protagonista si contenderanno l’Oscar, oltre a Sly, Christian Bale, Tom Hardy, Mark Ruffalo e Mark Rylance.

Cinque nomination (soprattutto tecniche, tra cui naturalmente gli effetti speciali) se le aggiudica Star Wars, lo stesso numero de La grande scommessa. Room (con la protagonista Brie Larson già premiata ai Golden Globes) e The Danish Girl ne conquistano quattro. Carol di Todd Haynes rimane fuori dalle categorie Miglior film e Miglior regia, sperando di rifarsi con le due protagoniste femminili entrambe in lizza per una statuetta. Tra i film d’animazione c’è infine Anomalisa di Charlie Kaufman (sceneggiatore di Se mi lasci ti cancello), visto allo scorso Festival del cinema di Venezia.

L’88esima edizione della cerimonia di premiazione degli Academy Awards si terrà sempre al Dolby Theatre di L.A. il prossimo 28 febbraio. Conduttore della serata, per la seconda volta, il comico e regista Chris Rock.

Giornalista professionista, laureata in Dams-spettacolo con una tesi su Pina Bausch, scrivo di cinema sulle pagine del Quotidiano Il Tempo. Vedo molti film (anche troppi) e serie tv. Romana, da sempre pronta per vivere a Berlino.



Leave a Reply

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>