L’identità europea attraverso la celluloide

ce

Al via alla Casa del Cinema di Roma Sala Europa, il programma dedicato alle grandi cinematrografie del vecchio continente

L’identità comune europea vista dal cinema. Lunedì prossimo, 26 ottobre, parte alla Casa del cinema di Roma il programma a tema dedicato alle grandi cinematografie europee Sala Europa, reso possibile dalla collaborazione dell’ambasciata di Francia con il Centre Culturel Saint-Louis, dell’Istituto Cervantes e del Goethe Institut. Sala Europa ospiterà 12 titoli emblematici della tradizione e della modernità di tre grandi cinematografie europee (Francia, Germania, Spagna): sullo schermo si alternano grandi maestri come Luis Buñuel, Jacques Demy, Konrad Wolf e talenti contemporanei come Emmanuel Mouret, Maren Ade, Pablo Berger.

L’identità europea attraverso la celluloide: al via Sala Europa, il programma dedicato alle grandi cinematrografie del vecchio continente, alla Casa del Cinema di Roma

Tutti i film saranno a ingresso gratuito nella programmazione serale delle ore 20.30. Sarà Tristana, una delle opere più celebri e discusse del maestro Luis Buñuel, spagnolo di Calanda, europeo per cultura e formazione, cittadino del mondo per vocazione, a inaugurare Sala Europa, ma la rassegna intende collegare la tradizione delle grandi scuole cinematografiche europee al presente e a giovani talenti da scoprire o riscoprire in quest’occasione. ”Il programma guarda al futuro e a una nuova generazione di spettatori – sottolinea Giorgio Gosetti, direttore della Casa del Cinema – e in questa logica rientra anche il recupero di alcuni titoli storici che ormai è difficile vedere sul grande schermo. La possibilità di vedere questi film nella loro versione originale (con sottotitoli in italiano) caratterizza la proposta, ma individua anche le radici comuni di una ‘lingua artistica’ europea su cui scommette l’Unione per il futuro”.

“A Roma vivono circa 40mila cittadini europei di buon livello culturale – ricorda l’ideatore della rassegna, Carlo Troilo -. Ci sono le ambasciate e gli istituti di cultura dei maggiori paesi d’Europa. Ci sono circa 200mila studenti universitari e almeno altrettanti romani (non solo giovani) che praticano le lingue e si rispecchiano in un’idea comune delle culture europee. Gli uni e gli altri vorrebbero poter vedere i film stranieri in lingua originale e questa esigenza, sostenuta dall’impegno dei diversi istituti di cultura, adesso trova una casa comune”. Sala Europa collega idealmente la propria programmazione a quella abituale degli istituti nazionali come il Saint-Louis o il Goethe, ma la sua originalità nasce dalla collaborazione e dal confronto settimanale tra le diverse cinematografie sotto l’egida dell’Unione europea. L’accesso alle sale, a titolo gratuito, avverrà secondo le modalità di sicurezza socio-sanitaria anti Covid-19 previsto da Casa del Cinema e fino a esaurimento dei posti disponibili. La prenotazione sarà possibile a partire da 60 minuti prima delle proiezioni con tracciamento degli spettatori nel rispetto della privacy.

Leave a Reply

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>