L’attesa è finita…”Ritorno al futuro”, “The Walk”, “Crimson Peak” sono al cinema!

CRIMSON

11 film ci spingono, anche questa settimana, ad andare al cinema, tra cui l’atteso The Walk di Zemeckis, Crimson Peak di Del Toro, Dheepan e Viva la sposa di Ascanio Celestini

FUTUREPrima di tutto ricordiamo che il 21 ottobre è il giorno in cui il film Ritorno al futuro prevedeva il suo viaggio nel tempo nel nostro presente, così i cinema organizzano una maratona per riassaporare una delle saghe fantascientifiche più amate di sempre. Doc, Marty e la DeLorean vi aspettano numerosi.

I film ufficiali.

Partiamo con The Walk, film su Philippe Petit, il funambolo che attraversò le Twin Towers da parte a parte sospeso su una corda a oltre 400 metri di altezza, sfidando le leggi di NY e la legge di gravità. Un film spettacolare, senza dubbio, che non apporta niente a quello già visto nel documentario Man on wire, premiato con l’Oscar anni fa. Con Gordon-Levitt.

Crimson Peak è il ritorno all’horror gotico di Guillermo Del Toro con atmosfere lovecraftiane. Una ragazza dell’alta società newyorkese di inizio ’900 aspira ad essere indipendente e scrittrice. Quando si palesa uno spasimante ricco, misterioso e anticonformista, si trasferisce da lui a Crimson Peak, nel suo oscuro maniero dove vive sua sorella Lucille con cui ha uno strano rapporto. Anche la casa riserva delle strane sorprese. Un film che lascia più spazio al contesto che al rapporto tra i personaggi. Non vira mai all’horror totale. Interessante, ma incompleto.

Dheepan – una nuova vita è la storia di una finta famiglia di Ceylon che, per vivere in pace a Parigi, finge di essere tale, dimostrando però affetto gli uni per gli altri fino a raggiungere una complicità davanti alle difficoltà della nuova vita francese, tra violenze e discriminazioni. Un sentimentalismo eccessivo.

locandinaGame Therapy è la storia di due ragazzi disadattati e frustrati da un mondo adolescenziale che non sopportano e che li porta a rifugiarsi nella realtà virtuale dei video games dove le leggi sono stabilite dai gamers. Una versione italiana di War Games o di Tron. ▼

Dark Places è un film incentrato sulla strage della famiglia di Libby Play da parte di suo fratello, quando aveva solo 7 anni. 25 anni dopo la ragazza viene indagata da un gruppo segreto per la risoluzione dei cold case, per verificare la sua testimonianza. Con Charlize Theron.

Viva la sposa è il nuovo film di Ascanio Celestini che racconta l’umanità triste, commovente, rassegnata e invisibile attraverso alcune storie di alcuni personaggi ammirati dal passaggio, nelle loro misere vite, di una donna americana che è sempre vestita da sposa, la quale dà loro un po’ di speranza. L’essere umano è buffo, meglio il burattino è la frase iniziale che spiega e ribalta la visione del film.

locandina (3)The Wolfpack è la storia vera di 7 fratelli di madre statunitense e di padre peruviano adoratore di Krishna che tenne i figli e la moglie segregati in casa per anni perché non venissero contaminati dal capitalismo americano. Il padre, come un anti-dio, era violento e ubriacone. Una storia intensa e drammatica che però dimostra una forte umanità. Un ottimo documentario. ▲

La bugia bianca è la storia degli orrori della guerra in Bosnia raccontati venti anni dopo gli avvenimenti, riportando alla luce ferite e dolori sopiti per cercare di dimenticare. Un film indipendente, con qualche difetto, ma sincero.

Sei tutto quello che voglio è una storia d’amore raccontata da un morto che corre contro il tempo per cercare di salutare un’ultima volta la sua amata, evitando l’angelo che deve portarlo in cielo, con piccoli stratagemmi. Un film che spinge sul dar valore ad ogni momento della propria vita.

Concludiamo con Fantozzi e Il secondo tragico Fantozzi che lunedì 26 torna in sala per rievocare antiche tragedie aziendali a cui era abituato il povero ragioniere. La Corazzata Potemkim, la signorina Silvani e il Mega direttore sono ancora vivi nel nostro immaginario tragi-comico del Fantozzi nazionale. ▲

Ramsis D. Bentivoglio

Leave a Reply

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>