“La notte del giudizio-Election Year”: America, I want your blood

La notte del giudizio

La notte del giudizio Election Year è il terzo episodio della saga di James DeMonaco. Torna lo sfogo annuale cinematografico che imperversa le strade americane

L’America è fondata sulla violenza, sul potere delle armi e affonda le radici nel sangue. Sin dagli indiani pellerossa ai neri, la libera e democratica America yankee stipula un patto con i suoi cittadini: concessione dei diritti civili in cambio di assoluta devozione al sistema, chi sgarra viene incriminato come nemico dello Stato e della Patria. Con La notte del giudizio Election Year, terzo episodio della saga di DeMonaco, i Nuovi Padri Fondatori degli Stati Uniti sfoderano tutte le armi in loro possesso per abbattere le voci contrarie allo sfogo annuale di violenza e barbarie che vede nella candidata democratica e senatrice unica defensor del valore della vita e della giustiza, in lotta con Bishop, il rappresentante della nuova “religione” del sangue e del martirio.

Lo sfogo annuale è vissuto come un carnevale per gli adulti, da alcuni fanatici, secondo cui ci si può concedere qualsiasi forma di violenza con l’impunità. La nuova frontiera è l’arrivo di pazzi omicidi da tutto il mondo. Gli Stati Uniti come un enorme Luna Park. Il sangue purifica le anime e ogni crimine è concesso. La follia imperversa per le strade esasperando le frustrazioni di milioni di persone. Chi ci rimette, e qui nasce la forte critica alla contingenza moderna, sono i più poveri, quelli indifesi che non possono barricarsi in bunker o assoldare milizie private. Lo Stato come nemico pubblico, come il Leviatano di biblica memoria a cui tutto è permesso e a cui non ci si può ribellare.

Il dato forte di questa serie di film è la forte critica sociale all’imperialismo dei potenti che, occultamente, governano il mondo senza alcuno scrupolo. Uccidere migliaia di innocenti con il pretesto di difendere la brutalità innata permette di mantenere un ordine sociale fondato sulla paura e livellare la popolazione senza dover spendere eccessive risorse per i derelitti e gli indigenti che sono solo un peso per il Welfare e che non rendono e non producono reddito.

I riti di purificazione passano dal sangue e dall’omicidio e gli ultimi fatti di sangue che sconvolgono l’America e il resto del mondo confermano questa teoria.

Il film ha dei cali di credibilità notevole, ma il messaggio che manda è forte e chiaro. Con la violenza si alimenta solo l’odio e la paura, armi di distruzione di massa indirette. La pace è l’unica soluzione e non è una risposta buonista o pacifista, è l’unica speranza all’estinzione del genere umano.

La notte del giudizio Election Year

Regia: James DeMonaco

attori: Frank Grillo, Elizabeth Mitchell, Mykelti Williamson, Joseph Julian Soria, Betty Gabriel, Terry Serpico, Edwin Hodge, Kyle Secor

anno: USA 2016

durata: 105′

genere: horror

 

Ramsis D. Bentivoglio

 

L'Araldo dello Spettacolo sbarca online con interviste e materiale in esclusiva su Cinema, Arte, Danza, Musica, Teatro e Libri!

Leave a Reply

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>