RomaFF10, Coen e McDormand: “Nessuna gelosia tra noi”

Coen

La coppia si è raccontata al pubblico dell’Auditorium nel primo degli “Incontri ravvicinati”

Il segreto di un rapporto duraturo tra persone che lavorano nello stesso ambito professionale? “Avere sempre una storia nuova da raccontare all’altro. E non essere mai gelosi”. Parola di Frances McDormand, attrice statunitense candidata a quattro premi Oscar e interprete di film diretti da cineasti come Wes Anderson e Gus Van Sant, che da più di trent’anni è la moglie di Joel Coen. Regista che, insieme al fratello Ethan, ha segnato una pagina importante del cinema contemporaneo.

Il primo tra gli Incontri ravvicinati, previsti durante la decima edizione della Festa del Cinema di Roma, ha visto protagonisti nella Sala Sinopoli dell’Auditorium Parco della Musica proprio Joel Coen e Frances McDormand. Regista e attrice, marito e moglie, che si sono messi a disposizione del pubblico per svelare i segreti di un sodalizio artistico e privato che va avanti ormai da oltre trent’anni. Da quando nel 1984 i due si sono conosciuti sul set di Blood Simple-Sangue facile, l’esordio dietro la macchina da presa dei fratelli Coen, per poi sposarsi lo stesso anno.

“In questi tre decenni abbiamo lavorato insieme (sei i film interpretati dall’attrice e diretti dal marito, ndr) – racconta McDormand – Ma ancora più spesso abbiamo condotto vite autonome a livello professionale. Così alla fine di lavori differenti quando ci rivediamo, abbiamo sempre molto da raccontarci. E’ questo il segreto per una lunga vita insieme”. E’ d’accordo Coen, che più schivo della moglie, ci tiene però ad aggiungere: “Non esiste gelosia per chi lavora nello stesso ambito professionale. Chi non conosce a fondo il mestiere del cinema, non può capire ciò che accade sui set. Siamo consapevoli l’uno del lavoro dell’altro. Io so che un attore deve essere credibile quando recita. Quindi non provo gelosia nei confronti di mia moglie. La difficoltà può essere, invece, quella di gestire una famiglia e una casa, senza seguire criteri di ordinarietà”.

“Sicuramente lui non si metterebbe mai con un’altra attrice” scherza McDormand che confessa di provare un po’ di invidia nei confronti del marito. “Joel ha bisogno di investimenti per fare il suo cinema, mentre io devo aspettare che qualcuno mi chiami per recitare, anche se da poco ho anche scoperto il mestiere di produttrice”.

Dopo aver lavorato insieme in pellicole come Fargo e Burn after reading, la coppia è tornata a collaborare nel film Ave, Cesare! con George Clooney che uscirà a febbraio 2016 anche in italia. “Racconta il modo in cui venivano girati i film negli anni Cinquanta a Hollywood” spiega senza svelare molto Coen, che anche questa volta ha diretto il film insieme al fratello Ethan. “Con lui ho il classico rapporto che c’è tra cognati – spiega l’attrice – In più abbiamo condiviso insieme delle straordinarie esperienze di collaborazione”.

Mercoledì 21, sempre nell’ambito della Festa del cinema di Roma, sarà presentata la seconda stagione di Fargo, serie tv prodotta dai fratelli Coen e ispirata al loro film cult del 1996. “In realtà non guardo la tv e non vado neanche molto al cinema” confessa il regista, specificando che “io e mio fratello utilizziamo mezzi diversi nel nostro lavoro, ma amiamo esprimerci sempre in formato breve, attraverso un linguaggio che sia congeniale narrativamente”.

Giulia Bianconi

g.bianconi@araldodellospettacolo.it

Giornalista professionista, laureata in Dams-spettacolo con una tesi su Pina Bausch, scrivo di cinema sulle pagine del Quotidiano Il Tempo. Vedo molti film (anche troppi) e serie tv. Romana, da sempre pronta per vivere a Berlino.

Leave a Reply

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>