Cannes69, e poi arrivò quel gigante di Spielberg

the bfg

Il regista americano presenta fuori concorso “The BFG”

CANNES Non sono bastate le star di Hollywood come George Clooney, Julia Roberts e Jodie Foster. Oggi è stata la volta di Steven Spielberg approdato sulla Croisette con il film fantastico The BFG, che in Italia uscirà al cinema il primo gennaio 2017 con il titolo Il GGG (Il Grande gigante gentile).

Protagonista è Ruby Barnhill nei panni della piccola Sophia, orfana che viene rapita dal gigante interpretato dal Premio Oscar Mark Rylance. Lui la conduce nel mondo dove i giganti si nutrono di carne umana. Ma BFG è un gigante buono e gentile e insieme, con l’aiuto anche della regina d’Inghilterra (Penelope Wilton), dovranno difendersi dall’attacco dei giganti intenti a compiere una strage, anche di bambini.

Tratto dal libro per ragazzi di Roald Dahl, il film della Disney scritto da Melissa Methison (a cui è dedicato dopo la sua morte avvenuta l’anno scorso), è realizzato con attori – tra cui anche Rebecca Hall e Jemaine Clement presenti anche loro al Festival di Cannes – e la tecnica del motion capture. Spielberg conosceva già il libro che leggeva ai figli da piccoli e quando gli è stato proposto dalla sua produttrice non ha potuto fare a meno di tornare a raccontare una storia magica e fantastica, come aveva fatto quasi trentacinque anni prima con E.T.

“La magia è ciò che ci muove ed è importante metterla in scena anche nel cinema dove ho sempre cercato di raccontare buone storie – spiega il regista americano che presto sarà in Italia per girare il suo prossimo film su una storia vera ambientata nello Stato Pontificio dell’Ottocento – Più il mondo peggiora e più abbiamo bisogno di sognare. I sogni migliorano la vita reale che va nutrita di speranza”.

Giornalista professionista, laureata in Dams-spettacolo con una tesi su Pina Bausch, scrivo di cinema sulle pagine del Quotidiano Il Tempo. Vedo molti film (anche troppi) e serie tv. Romana, da sempre pronta per vivere a Berlino.

Leave a Reply

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>