Addio al maestro dell’horror Wes Craven

wes craven

Muore a 76 anni il papà di Freddy Krueger e Ghostface

Per i suoi fan la giornata di oggi si è trasformata in un incubo. Come quelli che sapeva raccontare incredibilmente bene lui, il maestro dell’horror Wes Craven che se n’è andato ieri, 30 agosto, nella sua casa di Los Angeles all’età di 76 anni per colpa di un tumore.

La sua morte è stata annunciata solo oggi e nel corso delle ore c’è stato un tam-tam sui social network da parte dei suoi fedeli seguaci, increduli per la scomparsa del regista che ha segnato una pagina importante della storia del cinema horror.

La paura è stata l’emozione che Wes Craven ha saputo descrivere meglio nel corso della sua carriera, terrorizzando intere generazioni. “Facciamo i conti con la paura tutti i giorni” aveva detto una volta in un’intervista. E in un’altra ancora: “Devi conoscere i pensieri del pubblico per capire quali sono le sue paure”. Craven è stato un maestro di questo genere cinematografico proprio perché è riuscito a trasformare in incubi, anche le piccole angosce quotidiane di ognuno di noi.

Non vanno dimenticati gli esordi dietro la macchina da presa di questo grande regista, sceneggiatore e produttore cinematografico: L’ultima casa a sinistra del 1972 e Le colline hanno gli occhi del 1977. Siamo, invece, nel 1984 quando Freddy Krueger, interpretato dall’attore statunitense Robert Englund, inizia a seminare il terrore tra gli abitanti di Springwood (e non solo), entrando nei sogni delle sue vittime così da ucciderle con un guanto fatto di artigli. Nel primo capitolo della saga cult Nightmare c’è anche un giovanissimo Johnny Depp, che cadrà anch’egli sotto le grinfie del maniaco dalla faccia sfigurata (come si vede in questo video che sconsigliamo ai più sensibili).

Dopo Nightmare, è stata la volta di una nuova storia da incubo: Scream. Prima una trilogia girata nel corso di appena quattro anni dal 1996 al 2000. Poi Ghostface, serial killer psicopatico travestito con un costume di Halloween, è tornato undici anni dopo, nel 2011, per cercare di uccidere ancora una volta la protagonista Sidney Prescott (l’attrice Neve Campbell) nel quarto capitolo della saga.

Anche se quest’ultimo film non è riuscito a incassare quanto i primi tre, i fan erano comunque convinti che Craven fosse tornato per girare una seconda trilogia della pellicola. Che ora, definitivamente, non potrà più realizzare. Il pubblico si dovrà consolare con l’ultimo lavoro prodotto dal cineasta americano: la serie televisiva di Scream, uscita su Mtv negli States lo scorso giugno e in Italia ancora inedita.

Giulia Bianconi

g.bianconi@araldodellospettacolo.it

Giornalista professionista, laureata in Dams-spettacolo con una tesi su Pina Bausch, scrivo di cinema sulle pagine del Quotidiano Il Tempo. Vedo molti film (anche troppi) e serie tv. Romana, da sempre pronta per vivere a Berlino.

Leave a Reply

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>