“Figli” e l’ossessione dell’uovo alla “cocca”

figli mattia torre

La ricetta dal film scritto da Mattia Torre

In Figli, film scritto da Mattia Torre e brillantemente interpretato da Paola Cortellesi e Valerio Mastandrea, i genitori affidano la prole ad una tata un po’ particolare.

La donna, di origini ciociare, non ha alcuna esperienza con i bambini e per tenerli buoni mentre i genitori sono a cena fuori, gli cucina “l’uovo alla cocca”. E lo rifa e lo rifa, ogni sera che loro escono.

Ecco quindi la ricetta dell’uovo alla coque.

 

uovoPrima dell’uso, lavate il guscio.

Fate bollire l’acqua in un pentolino con l’aggiunta di un pizzico di sale. Non appena l’acqua bolle, immergete le uova per 3 minuti.

Se invece preferite il tuorlo più cotto, lasciate cuocere per 4 minuti.

Terminata la cottura passate le uova in acqua fredda per pochi secondi: in questo modo l’albume sarà cremoso e il tuorlo tiepido. Lasciate raffreddare, sistemate le uova sul porta uovo, eliminate la calotta superiore con l’apposito attrezzo, o con un coltello dalla lama sottile, e gustatelo con il cucchiaino: aggiungete un po’ di sale e pepe e accompagnatelo, se preferite, con pane tostato.

Potete rendere più gustose le vostre uova alla coque guarnendole con spezie (come pepe o noce moscata) oppure con del formaggio spalmabile.

Se sistemate l’uovo con la punta verso il basso, sarà più facile aprirlo: si creerà infatti una sorta di sacca d’aria.

Per cuocerle più in fretta, ecco un piccolo trucco: sistemate le uova in un pentolino pieno di acqua fredda. Accendete il fuoco e contate 1 minuto da quando comincerà a bollire.

Potete preparare le uova alla coque anche nel microonde: sistemate l’uovo in uno stampino di ceramica ed effettuate un piccolo foro sulla parte superiore utilizzando uno stuzzicadenti. Coprite l’uovo con la pellicola trasparente adatta al micoonde e foratele sempre con uno stuzzicandenti in più punti. Accendete il microonde per 50 secondi a 600 watt. Fate riposare per 1 minuto e servite.

Si dice che bere un bicchiere di vino rosso dopo aver mangiato l’uovo, aumenti i globuli rossi. Ecco perché spesso si sente dire che l’uovo col vino “fa buon sangue”.

Leave a Reply

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>