Venezia78, ma perché non c’è posto per gli autori?

venezia78

La Wgi prosegue la battaglia #noscriptnofilm indifesa degli sceneggiatori

Nonostante il Festival del Cinema di Venezia sia una delle massime espressioni della Settima Arte, in Italia e nel mondo, tutt’oggi scivola su una banalissima buccia di banana: il riconoscimento del ruolo. O meglio, dell’apporto, ma soprattutto della paternità dello sceneggiatore.

Già perché nel programma festivaliero compaiono i dati dei film, dal regista, al cast, dalla durata alla nazionalità, ma ciò che non compare mai – e ripetiamo mai – è proprio il nome di chi l’ha scritto.

E questo è un punto sul quale sarebbe necessaria una profonda riflessione, ma siamo nell’epoca digitale, nella quale i frame diventano quasi lenti e quindi figurarsi se si ha tempo per premere stop. E allora, a volte, bisogna forzarle le situazioni, le consuetudini errate.

Senza un autore, uno sceneggiatore, un gruppo di scrittura, una writing room o chi per loro, non c’è nessun altro dei dati stampati nell’ameno catalogo veneziano. Già.

E allora la Wgi – Writers Guild Italia, sindacato degli sceneggiatori italiani, ha scritto una lettera aperta al Direttore Barbera, chiedendo lumi in merito. E, prevedendo un giustificato ritardo nella risposta, ha sollevato le maniche e fatto fumare le tastiere, diffondendo ogni giorno, i nomi degli sceneggiatori autori dei film proiettati in Laguna.

L’iniziativa è tanto piaciuta che anche diverse comunità di creativi e autori in genere, hanno fatto da cassa di risonanza.

Eppure non è un concetto così artefatto né pruriginoso. È semplice: per fare un film ci vuole uno script. Per fare uno script ci vuole uno sceneggiatore. Per fare un albero ci vuole un fiore. Lo insegnano all’asilo. #noscriptnofilm.

Leave a Reply

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>