VALORIZZARE I GIOVANI ARTISTI

MArteLive

Dal 23 al 28 settembre parte l’evento dedicato a tutte le forme di espressione artistica

MarteLive conferma la propria attitudine a scoprire e valorizzare giovani artisti. Non solo nell’ambito musicale: il progetto curatela, nato negli ultimi due anni, ha permesso a circa 600 artisti fra pittori, fotografi, writer e grafici di partecipare alle selezioni del concorso MArteLive, grazie al quale sono stati selezionati i migliori talenti provenienti da tutta Italia. Le selezioni sono avvenute sia esaminando i materiali inviati, sia attraverso vere e proprie mostre realizzare in molte regioni d’Italia. L’obiettivo del Progetto Curatela è promuovere il dialogo tra artisti affermati ed emergenti, mettendo a confronto differenti linguaggi artistici lasciando che le relazioni e gli scambi possano dare impulso a qualcosa di innovativo. Partendo da questi presupposti, per la prima Biennale MArteLive saranno esposte, dal 23 al 25 settembre negli spazi della Factory Pelanda, 140 opere dei finalisti in concorso per le arti visive, con live painting e dj set, in perfetto stile MArtelive; dal 26 al 28, nei medesimi spazi, saranno di scena i “Guest”. Sarà possibile ammirare, dal 26 al 28, il progetto “Black mood” del fotografo Roger Nicotera (artista dall’obiettivo provocatorio). O i bellissimi ritratti di Jorit (già vincitore, qualche anno fa, delle selezioni della regione Campania di MArteLive, sarà presente con i suoi graffiti realizzati a un livello tecnico molto elevato il 23 a Fondazione con il Sud, alla Factory Pelanda dal 23 al 28, al MAAM con un murale sempre dal 23 al 28). Desiderio (26-28), artista attivo nel campo della pittura, della performance, della fotografia e della video-installazione, sarà invece presente con le opere Mal’covskiy e BOT AOP, ma sarà anche protagonista del dj set dal titolo “VERSUS” con Cristiano Carotti, cap II “Barricades”, special featuring Riccardo Festa. Max Papeschi, uno dei digital artist italiani più noti nel mondo, sarà alla Factory dal 26 al 28. Nelle stesse date, spazio anche ai 35>TRENTACINQUE, 35 fotografi al di sotto dei 35 anni di età, tutti accomunati dal fatto di essere in relazione con la città di Roma, Federico Giampaolo, pittore definito da Vittorio Sgarbi “Una vera rivelazione, in dialogo con il grande spagnolo Dino Valls” e Lia Cavo, artista specializzata in scultura, calcografia, tecniche della scultura fonderia, scuola libera del nudo, che attualmente vive e lavora come scultrice installazionista in provincia di Teramo. Antonio Barrella presenterà dal 26 al 28 “Mash-up”, frutto della collaborazione tra tre “geniacci”: Antonio Barrella, appunto, celebre fotografo, Guillermo Mariotto, stilista e Luca Cosenza, art director. Delle 70 stampe che costituiscono la mostra originale, ne sono state estrapolate 6 che ben rappresentano il carattere, la tecnica e l’istinto visionario di Barrella. L’artista austriaco, già noto in tutto il mondo, Alfredo Barsuglia si interrogherà e interrogherà lo spettatore perché trovi il suo senso o semplicemente crei una sua personalissima storia con l’installazione “Una cosa incredibile è successa”, alla Factory Pelanda dal 23 al 28. Nelle stesse date, esporrà Alessio Fralleone, già vincitore nel 2009 della sezione pittura del concorso MArteLive: alla Factory metterà in scena un vero processo astrattivo che ci accompagnerà nella riflessione sul rapporto tra la parola, gli oggetti a questa associati e il cortocircuito che si innesca nel momento in cui tali oggetti vengono decontestualizzati e posti in un luogo esteticamente connotato. Dal 23 al 25 saranno di scena anche Roberto Pestarino, iniziato per caso alla fotografia, ha vinto premi nazionali e internazionali;  Tony Leone, fotografo freelance e graphic designer: numerosi i premi e i riconoscimenti da lui raccolti in ambito nazionale e internazionale. Ancora: Davide Coluzzi (Daz), un architetto attivo nel panorama artistico italiano ed internazionale, attivo nell’ambito della pittura, della fotografia, dei video fino ad arrivare alle installazioni interattive; Giovanna Mancuso, artista visiva catanese che ha partecipato a diverse collettive in Italia e in America; Milena Scardigno, artista e illustratrice di Molfetta che dal 2010 lavora ad un progetto di RI-TRATTI, una serie di disegni in cui, attraverso la smorfia, i volti vengono deformati al punto da divenire quasi astrazioni; Cristiano Quagliozzi artista romano, nel 2008 presenta la sua prima mostra personale “Concetti Astrali”, presso la galleria l’Aquario di Roma. Propone per la Biennale MarteLive la sua “Mostricciattola”. Sarà presente anche Laura Fonsa con il progetto “Inventario terapeutico”, pluripremiata artista specializzata in grafica d’arte e in incisioni, ha all’attivo numerose mostre personali e pubblicazioni. La BiennaleMArteLive sarà anche un’occasione di confronto e di formazione grazie ai “Workshop della Biennale”, 25 appuntamenti dedicati all’arte e alla cultura in programma alla Città dell’Altra Economia e a Palazzo Incontro. Tra i tanti interessantissimi incontri (e quasi tutti in modalità gratuita, previa prenotazione): da quello sulle “Web Series” al “Marketing non convenzionale”, dalla “Museologia contemporanea” al workshop di fotografia di moda con Angelo Cricchi (presso l’ISFC che porta a “La Factory” la mostra dei giovani studenti della loro scuola “35 Trentacinque”) alla tavola rotonda sull’editoria e la Urban Art. Il programma completo su www.labiennale.eu e www.formazionelive.eu.




Leave a Reply

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>